Un genio

giugno 6, 2007

Mi domando chi, nella guida per la risoluzione dei problemi del mouse in winXP, ha scritto di staccare il mouse dal PC e poi fare doppio click su Pannello di Controllo per andare a disinstallare la periferica…

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Net TV

maggio 22, 2007

Tanti ne parlano pochi la conoscono (me compreso).

Insomma, in generale ho capito che la Net TV sarà la TV del futuro, che permetterà la fruizione non lineare su diverse piattaforme (TV, PC, palmari, cellulari), che ci sono molti progetti (qoob, Babelgum,Joost,Youtube…), che abbiamo a disposizione molti servizi che permettono da web di creare il proprio canale televisivo (uStream e tra poco anche Mogulus su tutti) ma quanti di voi conoscono esattamente cosa c’è dietro (c’è sempre qualcosa dietro)? Cioè, come funzionerà, come potremo usufruire di tutto ciò?

Io sono molto affascinato da questa innovazione (e non ne posso più della vecchia televisione) e per cominciare a capirci qualcosa ho sfruttato al volo l’occasione per avere un invito per poter utilizzare Joost, poi ho cominciato a leggermi il blog di Tommaso Tessarolo che trovo molto chiaro ed estremamente “pratico”e penso, che come lettura sotto l’ombrellone, potrei regalarmi il suo libro (anzi, tra poco più di 1 mese è il mio compleanno se qualcuno che mi conosce vuole regalarmelo, un libro è un regalo sempre ben accetto :D).

Insomma di carne al fuoco ce nè tanta, ora si tratta di capire da che parte andrà la nostra Italia, se sarà trainata dai, tanti, giovani pieni di spirito d’iniziativa e inventiva (mi ci metto pure io con i miei limiti) o si lascerà trasportare da una classe dirigenziale (e pure politica) vecchia e miope verso obiettivi che porterebbero veramente innovazione e benessere.

Voi intanto raccontatemi le vostre sensazioni, che ne pensate, siete interessati…

libro
(foto by Tommaso Tessarolo )

P.S. magari un giorno un canale lo creo pure io…però mi servirebbe una controfigura, non sono molto fotogenico 😀
P.S.2 spero di non aver scritto troppe castronerie, nel qual caso correggetemi e perdonatemi, non conosco la materia…
P.S.3 oh non finisce mai sto post! Se siete interessati alla presentazione del libro questa si svolgerà il 25 maggio a Roma

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Raccomandata

maggio 9, 2007

Ragazzi cominciate a sudare, a casa potrebbe attendervi una sorpresina…

Roma – I 3636 utenti Internet italiani che secondo alcuni discografici avrebbero posto in condivisione illegalmente sulle piattaforme di sharing una certa quantità di materiale musicale, stanno ricevendo in questi giorni le raccomandate con cui i detentori del diritto d’autore chiedono la cancellazione dei file e il pagamento di alcune centinaia di euro a titolo di compensazione.
(fonte PI)

Trovate altre informazioni anche su webmasterpoint.

Per ora preferisco non esprimermi, ho dei dubbi su molti aspetti relativi a questa vicenda (modi, tempi e soggetti)…

 UPDATE: su PI i consigli di Adiconsum.

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Java ed RMI

maggio 8, 2007

Questa non è una piccola guida, piuttosto è un consiglio.

Se dovete sviluppare un’applicazione Java con la tecnologia RMI ed utilizzate Eclipse, allora vi consiglio di scaricare l’RMI Plug-in.
Si tratta di un plug-in utilissimo che vi permette di far partire semplicemente l’RMIRegistry e vi evita le inevitabili grane con le security.policy.

Non mi dilungo oltre, il sito fornisce ottime dimostrazioni sull’utilizzo, demo e tutorials.

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


web in rosa

maggio 6, 2007

Girl 2.0

E torno a parlare di web in rosa. Si perché secondo recenti sondaggi riportati a suo tempo in vari blog e anche giovedì su Nova, la rete parla sempre di più al femminile. Il gender digital divide per molte fanciulle è ormai praticamente inesistente.

E torno a parlarne segnalandovi il post di Lele e di Nicola Mattina (con un po’ di link verso siti, blog…di Girl Geek) sulla Girl Geek Dinner e riportando un video tratto da Youtube sulla prima Girl Geek Dinner.

Ma quali sono i vantaggi di una così massiccia presenza femminile nella grande rete?

A mio parere sono diversi. Partirei parlando di alcuni blog. I blog personali ad esempio. Quelli femminili sono indubbiamente i meglio curati e più interessanti. Le fanciulle sono indubbiamente più portate nell’esprimere le proprie sensazioni con le parole e le immagini. La grafica poi. Si tratta, sicuramente di uno degli elementi che decretano o meno il successo di un blog e i blog femminili sono in molti casi meglio curati di altri.
Blog tecnologici femminili invece sono meno frequenti (se ne conoscete segnalatemeli) ma è indubbio che la tecnologia per il mondo femminile è spesso molto interessante, soprattutto dal punto di vista del design. Fate un giro su popgadget vi renderete conto delle innumerevoli proposte tecnologiche destinate al mondo femminile.

Voi invece cosa ne pensate di questo fenomeno femminile che sta invadendo la rete?Vi fa piacere?Ne siete infastiditi?Dite la vostra!

Anche voi fanciulle che navigate su questo blog, dite la vostra. Perché avete deciso di darvi ai blog, al web2.0 o più in generale all’informatica?Che rapporto avete con la tecnologia?Amore e odio?

A supporto dei dati secondo i quali la blogosfera femminile è in aumento segnalo alle fanciulle in ascolto il FemCamp, il BarCamp al femminile.

Permettetemi di concludere con un appello: amore, lo so, mi hai sempre detto che non sei interessata, però…se un giorno vorrai avere un tuo blog sarò lieto di aiutarti…

(foto by indoloony)

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Ho una prof 2.0

aprile 17, 2007

Quando l’ho visto, la mia professoressa di statistica ha guadagnato immediatamente un sacco di punti. Dovete sapere che questa professoressa ha l’abitudine di pubblicare, fino allo scorso anno in un pdf, l’elenco delle lezioni e degli argomenti trattati a lezione. Da questo semestre invece, non è più un semplice pdf, ma ha creato un calendario condiviso con Google Calendar!! All’avanguardia la prof, l’ho prontamente incluso nel mio calendario in modo da restare sempre aggiornato.

Vorrei anche segnalare la nascita di un motore di ricerca intelligente, per ora in inglese. Si chiama Answer.com e la sua caratteristica è quella di fornire risposte fatte e finite su circa un milione di argomenti andando ad attingere aa oltre un centinaio di fonti enciclopediche attendibili e aggiornate. Se non bastasse, mette anche a disposizione un software scaricabile gratuitamente che passa sotto il nome di “Click Answer”, che permette di fare ricerche su ogni parola selezionata all’interno di un testo,Internet,Word o PDF che sia.
answer
Mi sembra un’idea interessante ed originale. Utile e affidabile. Da prendere in considerazione per ricerche scolastiche. Speriamo diventi disponibile anche in italiano!

[via ICTBlog]

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Io certe cose non le capisco

aprile 4, 2007

Perché uno deve venire in università, piazzarsi in trifoglio con portatile e joypad e giocare a FIFA 07 occupando un intero banco da 4 posti che potrebbe essere più utile a chi deve realmente lavorare. Il risultato è telecronaca a tutto volume di Civoli e urla, grida, esclamazioni da stadio. Ieri per capire il codice che stavo scrivendo mi sono dovuto piazzare nelle orecchie le auricolari ed ascoltare un po’ di musica!

La cosa che non capisco è perché in università? Non possono starsene a casa? Io spendo 40€ di abbonamento mensile per venire a Milano, loro vengono gratis?

Misteri del soprannaturale!Pazienza, torno a lavorare, altrimenti mi dicono: “perché non te ne stai a casa a scrivere sul blog”? 😀

[La Vida Es Un Carnaval]

P.S. altra cosa che non capisco è: “perché se ci sono tante persone in pausa qui in trifoglio continua a cadere la connessione wireless?”

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Google note

marzo 29, 2007

Mentre c’è chi scova domini di Google liberi 😉 , quelli di Mountain View non restano con le mani in mano e in un giorno solo ecco quattro notizie interessantissime che li riguardano.

Google Mobile: sembra che Google non abbia intenzione di dedicarsi allo sviluppo di un nuovo telefonino ma che piuttosto intenda dedicarsi alla creazione del software, insomma di una serie di servizi che, probabilmente, rivoluzioneranno il mondo della telefonia. Per questo è stato trovato un prezioso alleato in LG. Entro il 2007 ne vedremo delle belle!!

La torre di Babele di Google: le traduzioni online, si sa, sono alquanto approssimative. Ebbene Google promette mirabolanti novità anche in questo campo. A quanto pare il nuovo sistema di traduzione progettato nei fantastici uffici di Mountain View ha riscosso notevole successo presso esperti della traduzione informatica. Sembra che sia in grado di effettuare traduzioni Arabo-Inglese senza commettere errori fino alla quinta riga. E siamo solo all’inizio!

Google on TV: a quanto pare Page e Brin vorrebbero portare la loro idea di pubblicità, che ha riscosso notevole successo online, anche in televisione. Per ora alla radio hanno incontrato più difficoltà che altro, in futuro si vedrà cosa accadrà in TV.

Infine ecco il Blocco note Personale. Lanciato oggi in Italia permetterà di:

raccogliere in un tuo personale blocco note online tutti i testi, le immagini e i link utili che trovi navigando in rete. Puoi organizzare queste informazioni e crearti diversi notebook, divisi per argomento.

Ma una delle cose più belle è che li puoi anche condividere con amici e conoscenti che abbiano a loro volta un account Google. Dando loro accesso al tuo notebook non solo potranno visualizzarne le informazione ma collaborare attivamente per aggiornarle o modificarle.

L’ho installato immediatamente, sembra molto interessante, penso che lo userò soprattutto nel caso voglia appuntarmi qualcosa da scrivere nel blog in un successivo momento o per ricordarmi qualche informazione particolare.
google - notebook Interessantissima la possibilità di installare l’estensione per Firefox, assolutamente semplice nell’utilizzo e intuitiva.

P.S. per quanto riguarda il mio blog, presto seguirò il suggerimento di Mavero e creerò una pagina con il link alle piccole guide che realizzerò.

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Ant+Joram

marzo 28, 2007

Ho deciso di aprire la rassegna di soluzioni informatiche con due strumenti che hanno accompagnato le mie ultime giornate programmative. Ho scelto di farlo perchè on-line si trova poca documentazione su questi strumenti (soprattutto in italiano).
Si tratta di Ant, un tool che permette la configurazione, il build ed il deployment di progetti Java Complessi e Joram, un’interfaccia rete-applicazioni JMS/SOAP orientata alla messaggistica.

Il primo è di semplice installazione e configurazione. Dopo aver scaricato il tool e scompattato si devono impostare:

  • la ANT_HOME: per far questo spostatevi nel Pannello di Controllo, cliccate su Sistema e nel pannello Avanzate cliccate su Variabili d’ambiente. Qui create una nuova variabile d’ambiente con nome ANT_HOME e valore il percorso in cui avete installato Ant.
  • il path: nella stessa finestra si seleziona il path e lo si modifica inserendo il percorso della directory bin di Ant.

Le prime problematiche le ho riscontrate al momento dell’installazione di Joram che risulta leggermente diversa in ambiente Linux o Windows. Io sviluppo in ambiente Windows, ho scaricato dal sito l’ultima versione del server. Ho scompattato (due volte) e salvato in C:\joram-4.*.

A questo punto le operazioni dovrete configurare la JORAM_HOME: per far questo spostatevi nel Pannello di Controllo, cliccate su Sistema e nel pannello Avanzate cliccate su Variabili d’ambiente. Qui create una nuova variabile d’ambiente con nome JORAM_HOME e valore il percorso in cui avete installato joram. Nel nostro caso C:\joram-4.*.
Successivamente per cominciare ad utilizzare gli esempi presenti in sample, da linea di comando dovrete spostarvi nella directory sample\src\joram e digitare

ANT COMPILE

per compilare i sorgenti

ANT RESET SINGLE SERVER

per avviare il server Joram.
Poi da una seconda shell digitate:

ANT e il nome dell’applicazione da avviare

Per conoscere il nome delle applicazioni presenti (non corrisponde al nome delle classi) dovete andare a leggere il file Build.xml che riporta il nome di ogni applicazione. Allo stesso modo, nel momento in cui vorrete creare una nuova applicazione che utilizza Joram dovrete semplicemente copiare il Package nella cartella sample\src rilanciare ANT COMPILE, riavviare il server (ANT RESET SINGLE_SERVER), modificare il file build.xml e lanciare l’applicazione digitando ANT e il nome. La modifica è semplice: per ogni applicazione da avviare dovrete inserire qualcosa di simile a questo:

<target name=”NOME PER LANCIARE L’APPLICAZIONE” depends=”init”
description=”–> Runs chat administration”>
<java classname=”PACKAGE.CLASSE CON IL MAIN”
failonerror=”no” fork=”yes”
dir=”${run.dir}”>
<classpath path=”${project.class.path}”/>
</java>
</target>

Per applicazioni più complesse vi rimando alla documentazione sul sito.

Spero di essere stato d’aiuto a qualcuno, sono alle prime armi con spiegazioni di questo tipo, spero di migliorare in futuro!

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Ridendo e scherzando…

marzo 24, 2007

…ho superato i 25.000 accessi, grazie a tutti, ai blogger che mi seguono costantemente, a coloro che passano di qui per caso e ritornano, grazie a chi passa per caso e pensa “che schifo” e non torna più, grazie a chi mi conosce e mi legge per farsi quattro risate, grazie a chi ha commentato…grazie a tutti…son commosso…

Il prossimo obiettivo è la conquista del mondo…

Fiesta!!!

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website