Dalle mappe

aprile 11, 2007

Come certamente avrete letto in giro per Internet, Google ha lanciato da alcuni giorni MyMaps, un servizio che permette a chiunque di creare, senza incasinarsi troppo col codice, le proprie mappe su Google Maps. Questo nuovo servizio ha permesso il proliferare di mappe e mappine più o meno utili. Poco fa girando tra i siti che visito abitualmente ho scoperto una mappa da veri geek, che mostra dove sono stati creati alcuni tra i principali linguaggi di programmazione.

Una seconda iniziativa, questa volta più utile e allo stesso tempo drammatica, per l’argomento trattato, è legata ad una iniziativa del “The United States Holocaust Memorial Museum” che ha creato un layer per Google Earth in cui vengono documentate, attraverso immagini ad alta risoluzione, le atrocità compiute in Darfur.

Utilizzando immagini ad alta risoluzione, gli utenti possono zoomare sul Darfur per vedere oltre 1.600 villaggi distrutti o danneggiati, fornendo quella che l’Holocaust Museum dice essere una prova del genocidio. Il governo del Sudan nega che questo genocidio sia stato compiuto.

Inoltre, il sistema rende visibili i resti di oltre 100.000 case, scuole, moschee ed altre strutture distrutte dalla milizia janjaweed nel Darfur, dalle forze sudanesi ed altri gruppi.

Qui potrete trovare maggiori informazioni su quanto sta avvenendo nella regione del Darfur.
L’iniziativa ha lo scopo di toccare le coscienze, per permettere ai navigatori di rendersi conto della violenza sistematica e brutale portata in quella regione.

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website

Annunci