La ricerca della felicità – seconda parte

gennaio 22, 2007

Finalmente ho 5 minuti per dire la mia su un film che mi ha lasciato sensazioni contrastanti.

Prima di tutto una premessa: se avete voglia di trascorrere una serata tranquilla, divertente e spensierata, scartate questo film, dirottate su altri titoli come Manuale d’Amore 2 che trovate ben recensito sul blog The Gioxx’s Wall.

Io ho deciso di andare a vederlo per due motivi. La presenza di Will Smith come protagonista e la regia di Gabriele Muccino.
Smith è senza dubbio uno dei migliori attori in circolazione, in grado di passare da ruoli comici (chi non si ricorda “Il principe di Bel-Air“?) a ruoli eroici (in “Men in black” o “Independence Day”) fino a ruoli difficili come in questo caso. Muccino è invece uno dei pochi registi italiani “attuali” ad aver ottenuto di poter realizzare un film per un pubblico, prima di tutto americano.

Ma andiamo con ordine. La trama:

Chris Gardner (Will Smith) è un padre di famiglia che fatica a sbarcare il lunario. Nonostante i lodevoli e coraggiosi tentativi di tenere a galla il matrimonio e la vita famigliare, la madre (Thandie Newton) del piccolo Christopher, che ha solo cinque anni (Jaden Christopher Syre Smith) non riesce più a sopportare le pressioni dovute a tante privazioni e, incapace di gestire la situazione, decide di andarsene.

Chris, trasformato in un padre single, continua a cercare ostinatamente un impiego meglio retribuito utilizzando le sue notevoli capacità di venditore. Alla fine riesce ad ottenere un posto da praticante presso una prestigiosa società di consulenza di borsa, e sebbene si tratti di un incarico non retribuito, lo accetta con la speranza che alla fine del praticantato avrà un lavoro e un futuro promettente. Privato dello stipendio, Chris e il figlio, vengono sfrattati dall’appartamento e costretti a dormire nei ricoveri per i senza tetto, nelle stazioni degli autobus, nei bagni pubblici o ovunque trovino un rifugio per la notte.

Nonostante i suoi guai, Chris continua ad essere un padre affettuoso e presente, usando l’amore e la fiducia che il figlio nutre per lui come spinta per superare tutti gli ostacoli che incontra sulla sua strada.

Toccante il rapporto tra padre e figlio, la frase più emozionante è senza dubbio quella che il figlio (anche nella realtà) dice al padre:

“…Sei un buon padre…”

Una frase probabilmente che renderebbe fiero qualsiasi padre.

Mi sono trovato di fronte ad un film che è nato per toccare qualunque persona, che ha lasciato in me una serie di emozioni contrastanti. Un film con un finale tutt’altro che scontato e con una trama ricca di colpi di scena. E’ in grado IMHO di far pensare e di dare una carica interiore, a fare di più, a dare di più per rendere la propria vita e quella delle persone che ci stanno vicine migliore.

La ricerca della felicitàcon Will Smith, Thandie Newton e Jaden Christopher Syre Smith, al suo debutto sul grande schermo. Il film è diretto da Gabriele Muccino e scritto da Steven Conrad. I produttori sono Todd Black, Jason Blumenthal, Steve Tisch, James Lassiter e Will Smith. I produttori esecutivi sono Louis D’Esposito, Mark Clayman, David Alper e Teddy Zee. Il direttore della fotografia è Phedon Papamichael ASC, lo scenografo J. Michael Riva, l’addetto al montaggio, Hughes Winborne, A.C.E. I costumi sono di Sharen Davis e la colonna sonora è stata composta da Andrea Guerra.

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website

Annunci

La ricerca della felicità

gennaio 20, 2007

Ieri sera l’ho visto, cosa ne pensate? Mi ha toccato molto…
Voglio sentire qualche giudizio, poi vi dirò cosa ne penso io.

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Eccomi di ritorno

dicembre 10, 2006

Tre ore, tre ore per fare 80 km!! E a quanto pare, dopo essermi letto velocemente qualche post non sono stato l’unico!

Comunque sono sfigato! Tre giorni di riposo e tre giorni di pioggia. Pure il raffreddore mi sono beccato! Per fortuna la compagnia era ottima!!! Purtroppo il numero di foto è pari a zero! Ho fatto solo qualche giro ai mercatini di Clusone e Bratto. Bellini ma niente di trascendentale! Sono riuscito a guardare un DVD che mi avevano regalato e che non avevo ancora visto: “Codice Swordfish” un misto di effetti speciali e boiate, raggiunge a malapena il 6! Siamo anche andati al cinema a vedere “Il Diavolo Veste Prada”, questo merita, 8,5!

Ora vado, spero di tornare con qualche post interessante nei prossimi giorni. Sono malato!!

[La Vida Es Un Carnaval]
Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


bicycle film festival

dicembre 2, 2006

bicyclefilmfestival

Vista la mia passione per le biciclette non potevo non segnalare questa manifestazione. Di cosa si tratta? Semplice:

The Bicycle Film Festival celebrates the bicycle. We are into all styles of bikes and biking.
If you can name it-Tall Bike Jousting, Track Bikes, BMX, Alleycats, Critical Mass, Bike Polo,
Cycling to Recumbents- we’ve probably either ridden or screened it. What better way to
celebrate these lifestyles than through art, film, music and performance? We bring together
all aspects of bicycling together to advocate its ability to transport us in many ways. Ultimately
the Fest is about having a good time.

La manifestazione è stata ideata dal newyorkese Brendt Barbur e ha già fatto il giro del mondo. Da ieri è “in prova” al cinema Mexico di Milano. Per maggiori informazioni,il programma, gli orari e i prezzi visitate il sito della manifestazione. E non dimenticate: “bikes rule“!!

Digg! | | | del.icio.us

ste-site