Forse è meglio che penso ad altro

giugno 8, 2007

Questa mattina, anche grazie al post di ieri, ho guadagnato 26 posizioni nella classifica di blogbabel. Dicono che faccia figo.

Io sono abbastanza indifferente a questa classifica sono incredibilmente felice se una freccina verde appare vicino al nome del mio blog. All’inizio lo dicevo a tutti! Poi quando ho cominciato a notare le facce stupite di chi mi ascoltava ho preso la decisione di tenermi tutto per me.

Comunque, pur di portare ulteriore gioia alle mie giornate, ho deciso che mi devo inventare qualcosa. Devo scalare la classifica verso lidi migliori, verso la fama, la gloria. Da grande sarò una blogstar!! Il problema è cosa mi invento? Non ho iPod da regalare, non mi vengono in mente meme particolari, non ho voglia di organizzare concorsi, gare o cose così. Poi mettermi a fare video come quello di Dema non ci penso proprio (e non voglio quegli orrendi zoccoli – senza offesa per chi li usa abitualmente) .

Forse è meglio che penso ad altro per il mio blog!

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Ridendo e scherzando…

marzo 24, 2007

…ho superato i 25.000 accessi, grazie a tutti, ai blogger che mi seguono costantemente, a coloro che passano di qui per caso e ritornano, grazie a chi passa per caso e pensa “che schifo” e non torna più, grazie a chi mi conosce e mi legge per farsi quattro risate, grazie a chi ha commentato…grazie a tutti…son commosso…

Il prossimo obiettivo è la conquista del mondo…

Fiesta!!!

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


vendesi blog per finta

febbraio 14, 2007

Grazie a Gnappetta ho scoperto un servizio che permette di valutare quanto vale il proprio blog…l’ho provato senza troppa fiducia ed ecco cosa è apparso:


My blog is worth $18,065.28.
How much is your blog worth?



Eh, qualcuno è interessato all’acquisto? 🙂

P.S. non venderei mai questo blog, è nato per passione e continuerà così!

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


il successo di 2spaghi

febbraio 1, 2007

2spaghi.itIn questi giorni ho avuto modo di notare con soddisfazione come 2spaghi.it di cui ho parlato nel novembre 2006 stia raggiungendo un grande successo.

Ne parla oggi Lele Dainesi nell’ultima puntata di 1 anno di Internet, e ne parla molto bene indicando quelli di 2spaghi come una delle migliori Start-up del web2.0 in Italia.
Ho trovato anche un’interessante notizia su Apogeonline ripresa da WebMasterPoint realizzata da Emanuele Quintarelli. Le idee non mancano a quanto pare, dalla possibilità di rendere disponibile questo “portale” su cellulari all’obiettivo di andare sulla futura ITv fino all’algoritmo di suggerimento automatico dei ristoranti:

2Spaghi è quello che in gergo tecnico viene detto un recommendation engine per ristoranti in italia?

MP: Esatto. L’aspetto che ci intrigava di più era proprio l’algoritmo di suggerimento automatico (che abbiamo sviluppato per primo), ma che non abbiamo ancora lanciato.

Che finalità avrà l’algoritmo? in che modo contribuirà a migliorare l’esperienza utente?MP: L’algoritmo proporrà un ristorante in base ai gusti di ciascun iscritto, sfruttando i contributi di tutti gli altri utenti che hanno espresso preferenze simili. Un “qui vai a botta sicura”.

SM: Tenendo conto anche di parole chiave e punteggi assegnati.

Un’Amazon del ristorante?MP: Amazon è stato sicuramente un punto di riferimento. Per ora il nostro algoritmo tiene conto solo dei preferiti, ma potremmo migliorarlo prima del lancio.

Spostando l’attenzione sul presente invece ecco le migliori, IMHO, novità introdotte dai 2spaghi:

  • possibilità di scaricare i ristoranti preferiti sul proprio navigatore satellitare
  • una serie di plug-in per i blogger
  • il search engine plugin di 2spaghi per Firefox e IE7
  • ed una serie di SpagoWidget (che presto inserirò anche nel mio sito)

Io faccio il tifo per loro, il sito è utile e sfrutta al meglio le potenzialità offerte dalle tecnologie più recenti.

Tornando brevemente all’intervista ecco cosa ne pensano del web2.0:

Qual è secondo voi il significato più forte di web 2.0? In che modo questo messaggio è realizzato in 2Spaghi?

SM: A mio avviso la possibilità di condvidere contenuti e allo stesso tempo di generarli è sicuramente un motore trainante del web 2.0.

Un web bidirezionale in cui i protagonisti sono finalmente gli utenti?SM: Sì, un web fatto dagli utenti per gli utenti.

MP: L’aspetto sociale del web 2.0 è alla base di quello che vogliamo fare su 2Spaghi per i primi mesi del 2007; su questo punto dobbiamo ancora lavorare. Per esempio gli SpagoFriends potranno interagire tra loro e magari anche incontrarsi a cena.

Una definizione semplice e chiara, proprio come piace a noi, cittadini della rete…

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Le ricerche più strane di gennaio…

gennaio 31, 2007

Incredibbile mi cercano -e mi trovano- in ogni modo:

software disegno telaio bicicletta
buon enrico
naim claudio
le cose piu strne al mondo
aifone
totti radio 2
penso che sia una ottima idea
giochi dei tudi tunes
887-13-865-37-10-83
PSP tutoriel carnaval
sealand in vendita
favola
natale
abici
WII
moto tansini
xgl firefox menus
scambi fashion milano
windows vista e modem ethernet
tanto denaro fashion
come realizzare un go cart
bike sharing rfid
ma dentro me sento che tu vuoi

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


La blogosfera per tutti

gennaio 25, 2007

Lele Dainesi riporta sul proprio blog una serie di interviste effettuate da Elisabetta Locatelli ad alcuni dei partecipanti al ROMECAMP. Tra queste ho trovato di particolare interesse quella fatta a Luca Conti che in modo chiaro risponde alle domande dell’intervistatrice, inerenti soprattutto ai problemi incontrati dagli utenti, in particolar modo italiani, nell’approciarsi al mondo dei blog o più in generale al mondo che si identifica con la parola ombrello Web 2.0 (definizione che mi piace tantissimo).

Ecco l’intervista:

YouTube example:

Interessante il "consiglio" di Luca Conti ai blogger: usare parole chiare e semplici per far conoscere questo mondo al maggior numero di persone possibile.

Senza dubbio questo era uno dei miei obiettivi nel momento in cui ho cominciato a scrivere su questo blog. E' diffcile raggiungere questo risultato, penso di non esserci ancora riuscito ma col tempo chissà...

Intanto è online il questionario di DiarioAperto sui blog italiani.

La ricerca si concentra proprio sulla vita online dei blogger e dei loro lettori, tentando di sondare quattro aree d'inchiesta principali:

- il rapporto tra blogger e nuove tecnologie
- il rapporto tra il mondo dei blog e la sfera pubblico/politica
- il rapporto tra blogger e consumo di prodotti culturali
- ciò che lega la blogosfera alla società dei consumi e al comportamento d'acquisto

Io ho partecipato, trovate il sondaggio qui. Vi porterà via al massimo 15 minuti.

P.S. per quanto riguarda questo blog vi annuncio che nei prossimi mesi ci saranno novità e forse la nascita di un mio blog personale. Ma ci vorrà tempo...

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site - visit my website


Firefox e i segnalibri

gennaio 18, 2007

foxmarks
Non utilizzo molti add-ons per Firefox ma non posso non consigliare questo componente che non si trova nell’elenco di WebMasterPoint delle estensioni più importanti da scaricare ma che può essere utilissima a chi come me usa moltissimo i segnalibri e ne memorizza diversi su PC diversi. Si tratta di Foxmarks che permette di sincronizzare i diversi elenchi di segnalibri. Lo consiglio a chi ha questa esigenza.

update: sempre da Webmasterpoint date un’occhiata allo speciale su “Siti web, strumenti e applicazioni web 2.0 più interessanti divisi per categorie”.

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


MobuzzTV

dicembre 22, 2006

mobuzzTV

Questa mattina uno dei responsabili del laboratorio dove mi sono recato in questi giorni per lavorare sul lettore RFID (a proposito, nei prossimi giorni vi racconto come evolve la situazione) appena arrivato al suo posto ha affermato: “devo guardare MobuzzTV, non posso farne a meno!”. Questa affermazione mi ha incuriosito e sono subito andato a cercare su Google il sito.

Si tratta di un vlog (videoblog), con interviste, servizi…realizzati traendo spundo dalla rete, dai blog! Ecco cosa affermano gli stessi realizzatori:

Do you prefer the internet to network news? Do you generally go online to check on the latest trends and information? Are you a fan of blogs? Do you appreciate a lighthearted, even irreverent take on current events? But do you hate being tied to your computer? Then MobuzzTV may be just what’re looking for.

Mi sembra un ottimo servizio, è in lingua inglese, spagnola e francese (in teoria, perchè il link non è attivo).
Un buon modo anche per migliorare la conoscenza delle lingue!!

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Mappa della blogosfera: critiche e dubbi sui blog

dicembre 20, 2006

Neanche a farlo apposta, dopo il mio articolo in cui riflettevo sui commenti negativi rivolti verso la blogosfera, questa sera ho trovato nel post di Luca De Biase una serie di riflessioni legate a post negativi riguardanti la mappa della blogosfera italiana.
Vi riporto rapidamente i link degli articoli di Gaspar Torriero, Massimo Mantellini, Vittorio Zambardino. Non esprimo commenti, questa sera non ho tempo di approfondire, sono impegnatissimo, spero domani di poterli leggere meglio.

Intanto una domanda due domande:

  • voi cosa ne pensate della mappa, vi mette tristezza o siete fieri di appartenere a questo mondo?
  • i blog italiani sono veramente irrilevanti come afferma Gaspar Torriero?

Io personalmente sono fiero di appartenere alla blogosfera italiana, purtroppo però ritengo che la blogosfera italiana sia, non dico irrilevante, ma una sorta di mondo semichiuso che dovrebbe apririsi a tutti, le potenzialità ci sono. Non mi dilungo oltre, aspetto vostre valutazioni, domani girerò sui blog che frequento, sono sicuro che saranno ricchi di post riguardanti lo stesso argomento.
Intanto ecco un’esagerazione in senso opposto segnalata sul blog di Lele Dainesi.

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


WEB 2.0, blog, wiki, you…domande e riflessioni

dicembre 18, 2006

rete

Spero di non addentrarmi in un campo troppo complesso e insidioso.
Sono alcuni giorni che medito su alcuni aspetti legati al mondo che ho cominciato a “frequentare” con questo blog, il web2.0, il wiki, la blogosfera…

In questi giorni poi mi sono ritrovato di fronte a reazioni discordanti su questo mondo.
I blogger sono sempre entusiasti di fronte alle nuove sfide, alle nuove esperienze che vivono ogni giorno sul web e sono pronti a difendere a spada tratta “il loro mondo”. L’esempio più lampante credo sia ben visibile a tutti, è legato all’articolo apparso su Nova24 la scorsa settimana, che ha scatenato (come indicato qui) le reazioni positive di decine di blogger.
D’altro canto si trovano voci fuori dal coro, che ogni tanto tornano alla carica con affermazioni che devono far pensare. Ai tempi dell’acquisizione di Youtube da parte di Google, ad esempio, si era sparso il timore di una nuova bolla pronta ad esplodere e a mandare in rovina migliaia di piccoli imprenditori che cercavano fortuna su Internet. In questi giorni alcuni dubbi sono riapparsi in contemporanea all’uscita del Time che, con una mossa a sorpresa indica come uomo dell’anno niente popò di meno che YOU con una copertina geniale. Le motivazioni?

…per aver preso le redini dei media globali, per aver fondato e aver dato forma alla nuova democrazia digitale, per aver lavorato gratis e aver battuto i professionisti al loro stesso gioco…

Insomma noi (mi ci metto anch’io nel mio piccolo) che possiamo attraverso questo strumento “mondiale”, che è la rete, possiamo…

…mettere insieme i piccoli contributi di milioni di persone, per renderli importanti…

Il redattore capo Richard Stengel afferma:

…Questi blog, questi video portano alla nostra attenzione eventi in un modo che è spesso più autentico e immediato dei media tradizionali. Una volta i giornalisti avevano una competenza esclusiva per portare le persone in luoghi che non avevano mai visto. Ma ora una madre a Baghdad con un videotelefono può farti vedere un attentato lungo la strada…

Ora io non penso di fornire un servizio così importante ma penso di appartenere ad una nicchia molto piccola che contribuisce con entusiasmo e tanta voglia alla distribuzione di notizie, di informazioni e giudizi.
Purtroppo (o per fortuna, le critiche fanno bene) continuo a trovare critiche al mondo dei blogger che mi lasciano perplesso ma che possono far riflettere. E’ di oggi ad esempio l’articolo – Blog: la banda (larga) degli insoliti ignoti – su CorriereEconomia di Margiocco che al termine di un interessante articolo sul web2.0, riflette sul fatto che la blogosfera sia composta in larga parte di dilettanti che si dilettano a scrivere su internet. E afferma che vi sono alcune perle sommerse da molta spazzatura e scrive che “gli autori a volte si scrivono addosso scopiazzandosi l’un l’altro e spesso prendendo spunto dal tanto detestato giornale”. Concordo pienamente quando fa una distinzione tra professionisti e dilettanti (e io mi metto in questa seconda categoria) ma penso che nessuno dei blogger che seguo costantemente (a parte i giornalisti veri) voglia andare a rubare il lavoro a chi non scrive per hobby ma per lavoro. Inoltre non ho mai trovato un’affermazione contro i giornali in nessun post presente nella blogosfera e penso che l’affermazione “…detestato giornale…” sia un po’ troppo forte. Nonostante ciò, è vero, anch’io lo faccio, si prende spunto per scrivere un post, da altri articoli, dai giornali, ma la rete è questo, serve per divulgare le notizie, per portare giudizi, commenti in tutto il mondo.
E da qui sorge un secondo problema che viene riportato su Il Giorno all’interno della rubrica il caffè, è necessaria una regolamentazione per la rete che non degeneri però nella censura.

Infine un ultima riflessione legata ad un piccolo esperimento fatto nelle scorse settimane. Ho creato un wikispace per organizzare e raccogliere le adesioni alla cena di Natale tra amici. Purtroppo alcuni hanno trovato difficoltà nel partecipare a questa iniziativa. Mi sono quindi chiesto: si parla di web3.0, ma hanno compreso tutti il web2.0? A riguardo vi rimando ad un divertente articolo di Cesare Lamanna “Il Web 2.0 è un angolo arrotondato” e ad un post apparso sul blog di Marco Camisani “Domande alla Blogosfera” in cui un laureando che sta studiando il fenomeno dei blog si domanda:

Esiste davvero il “Web 2.0” (intenso in senso lato) anche in Italia oppure siamo “quattro gatti” che discutono fra loro di opportunità e benefici senza però finalizzare?

Bhe se siete arrivati a leggere i miei pensieri (sinceramente ci sarebbe altro da dire ma lo rimando al futuro) vi dico solo:

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website