Un (due) libro(i) ogni tanto…non fa(nno) male… || “E’ una vita che ti aspetto” di Fabio Volo || “Seta” di Alessandro Baricco

maggio 31, 2007

In queste settimane ho divorato due libri in rapida successione rendendo piacevolissimi i viaggi in treno.

Immagine di È una vita che ti aspetto

Una breve recensione tratta dal sito di Fabio Volo:

Questo libro parla di Francesco che non era felice e invece poi sì. Finito.
In fondo è il percorso di molti ragazzi di oggi, delle nostre città, che si accorgono di esistere senza vivere davvero. Come se mancasse loro qualcosa. Ma un giorno decidono finalmente che così non va.
Francesco è un normale trentenne di oggi. Lo si deduce dal fatto che ha un lavoro stressante, anche se remunerativo, che fa per comprarsi cose che gli plachino lo stress, dovuto peraltro a un lavoro stressante, che fa per comprarsi cose che…
Ma lo si deduce anche dalle sue storie di sesso, con tipe una diversa dall’altra: quella che dà ansia da prestazione, quella con “la patata anni Ottanta con tanti peli che formano un triangolo”, quella che “dimmi che sono una troia” e quella che “troia dillo a tua sorella”.
Sente il bisogno di star solo ma ha paura di tagliarsi fuori dal branco, adora i genitori ma non è mai riuscito a comunicare col padre, si fa le canne ma vuole smettere di fumare, è ansioso di crescere ma rimpiange la nonna che lo portava alle giostre.
Francesco vuole solo spostare il cuore al posto del cervello e viceversa, vuole solo far venir fuori quello che è veramente, vuole solo far venir fuori quello che è veramente, vuole solo riappropriarsi del suo tempo, imparare a volersi bene, affrancarsi dalle sue trante schiavitù, incontrare la donna giusta senza dover indossare la calzamaglia del principe azzurro. Insomma, robette da niente. Affrontare senza pippe new age, senza psicanalisti d’accatto o vertigini filosofiche. Affrontare come può farlo un ragazzo normale, con una buona dose di coraggio e tanta autoironia.
Si possono vincere la depressione, l’ipocondria, il torpore esistenziale? Chiedetelo a Francesco. E a Ilaria.
Non dovremmo anticiparlo, ma il tutto ha un lieto fine. Perchè in conclusione arrivano i nostri. E si capisce che i nostri siamo noi.

Con questo nuovo libro Fabio Volo si conferma capace di esplorare con un linguaggio semplice mondi interiori complicati, di tutti e di ognuno.
(ISBN 8804504110)

Immagine di Seta

E poi un’autentica opera d’arte.

Questo non è un romanzo. E neppure un racconto. Questa è una storia. Inizia con un uomo che attraversa il mondo, e finisce con un lago che se ne sta lì, in una giornata di vento. L’uomo si chiama Hervé Joncour. Il lago non si sa. Si potrebbe dire che è una storia d’amore. Ma se fosse soltanto quello, non sarebbe valsa la pena di raccontarla. Ci sono di mezzo dei desideri, e dei dolori, che sai benissimo cosa sono, ma un nome vero, per dirli, non ce l’hai. E comunque non è amore. (Questa è una cosa antica. Quando non hai un nome per dire le cose, allora usi delle storie. Funziona così. Da secoli.) Tutte le storie hanno una loro musica. Questa ha una musica bianca. E’ importante dirlo perché la musica bianca è una musica strana, a volte ti sconcerta: si suona piano, e si balla adagio. Quando la suonano bene è come sentir suonare il silenzio, e quelli che la ballano da Dio li guardi e sembrano immobili. E’ una cosa maledettamente difficile, la musica bianca. Molto altro da aggiungere non c’è. Forse è meglio chiarire che si tratta di una storia ottocentesca: giusto perché nessuno si aspetti aerei, lavatrici e psicanalisti. Non ci sono. Magari un’altra volta. (Alessandro Baricco)
(ISBN 8817106259)

Seta entra di diritto tra i miei libri preferiti, un libro da leggere tutto d’un fiato. Lascia emozioni intense. Descrizioni dei luoghi minime ma che lasciano trasparire le sensazioni dei personaggi. Fantastico!
[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


me due[punto]zero

maggio 30, 2007

Corro troppo. Trascorro la maggior parte del mio tempo a Milano dove la vita è frenetica e questa frenesia ti assorbe fino a risucchiarti e a farti credere che il tempo sia sempre troppo poco, che devi correre, non fermarti mai, corri Forest!

Alla fine ti convinci che questa vita ti piace, ti esalta, è perfetta per te…poi, un giorno, ti domandi: ma è veramente così bella questa vita?

Allora ricominci a coltivare vecchie passioni e ti ricordi quanto sia bello leggere, ascoltare una canzone rilassante, stare in silenzio a guardare il cielo stellato.
Hai una pazza voglia di scappare dal caos, dalla frenesia, rifugiarti dove sicuramente starai meglio, al mare a tenere gli occhi piantati sull’orizzonte (chissà che non arrivi Jack Sparrow), in campagna a sentire i grilli frinire e osservare le lucciole che si inseguono nei campi.
Girare in bici, addio macchine, moto e motorini. Salutare chiunque incontri, donare un sorriso a tutti…

grano
(foto by Eus)

Alla fine ti svegli e…rimandi a domani…ma non per sempre, arriverà il giorno per staccare e ritornare al passato…

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Sono apolitico

maggio 28, 2007

Nel titolo la premessa per evitare polemiche, commenti politici, insulti e quant’altro. Eviterò quindi riferimenti a destra o a sinistra, eviterò di fare nomi e cognomi, voglio solo dire il mio pensiero dopo una serie di riflessioni.

voto 2
(foto by delaurus)

Anche qui, a Lissone, in questi giorni si vota per l’elezione del nuovo sindaco. La mobilitazione, quest’anno, è stata massiccia, non ci sono mai stati così tanti candidati per il consiglio comunale come in questa occasione. Il motivo? Semplice, da parecchi anni vince sempre lo stesso partito e nell’ultimo periodo gli errori commessi sono stati diversi e i motivi per lamentarsi non sono mancati. Sta di fatto che anche alcuni amici hanno deciso di candidarsi per entrare nel consiglio comunale.

Ieri sera ci siamo trovati per la solita cena della domenica sera e la discussione successiva si è, purtroppo, spostata verso la politica. Ed è stata una discussione che mi ha lasciato ancora più disorientato. Ciò che più di ogni altra cosa mi lascia perplesso è la mancanza di proposte. La serata si è protratta tra commenti negativi nei confronti degli avversari e il tentativo di rimarcare le azioni negative. Ieri sera come in tutta la campagna elettorale di questi mesi (e come in ogni altra campagna elettorale) le proposte sono mancate o se ci sono state sono state vaghe.

Per di più la volontà di innovare, di svecchiare questo sistema politico è completamente assente. Internet, il 2.0, le nuove tecnologie…sono il futuro. Quanti dei nostri politici usano questi potenti mezzi nel modo corretto per avvicinarsi ai giovani che come me (e sono tanti) dimostrano disinteresse verso questo mondo? Negli USA si sta giocando la partita politica su Youtube, qui se un politico (a parte Di Pietro che ha fatto dei tentativi) ha un sito web decente è un miracolo.

Un altro problema che è stato messo in risalto ieri sera è quello dello spoglio delle schede, contestazioni, schede valide, non valide e della complessità del voto. Io ho proposto la mia soluzione (da buon informatico): il voto elettronico. Non l’avessi mai detto! Sembra che il mondo sia pieno di hacker in grado di superare qualsiasi sistema di protezione fatto in modo decente che non aspettino altro che delle elezioni per entrare in gioco.

Ma allora, perché non facciamo per alzata di mano?

voto
(foto by Iguana Jo)

Tra poco vado al seggio, non lascerò la scheda bianca, mi sono fatto una mezza idea, speriamo sia quella giusta

aggiornamento: risultati in tempo reale nel mio comune e in tutta l’Italia.

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Tutto inizia dalla tua libreria

maggio 26, 2007

Questa è la frase che accoglie i nuovi iscritti al servizio aNobii.

Si tratta di una sorta di lastFm per i libri. Si sta cercando di creare una community di appassionati di libri mondiale. Questo servizio permette l’inserimento dei libri letti, preferiti, che si desiderano. Permette di leggere i commenti degli altri lettori, di inserire commenti, dare voti…

Dopo essersi registrati l’inserimento di nuovi libri è semplice, è sufficiente inserire l’ISBN o il titolo del libro (nel secondo caso sarà necessario selezionare il libro tra un elenco fornito) e indicare, del tutto liberamente, alcune informazioni aggiuntive, come lo stato di avanzamento (in lettura, finito…) o la data di acquisto…

lettura
(foto by hfabulous )

Io ho inserito alcuni titoli, sarà un processo lungo, ma divertente.

Per gli amanti della lettura è un servizio utilissimo, lo consiglio, un altro servizio 2.0 utile ed interessante!

A proposito, voi che amate leggere, come preferite leggere? Io, come ho già detto in un post precedente leggo molto in treno, ma mi piacerebbe leggere come la tizia della foto, con un buon bicchiere di vino, rilassato, magari su un balcone, davanti al mare…

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Elio e le Storie Tese – Mio cuggino

maggio 26, 2007

Poco Ingegnere Informatico tanto altro.
Non mi fa impazzire come cantante ma questa canzone mi fa tornare indietro di qualche anno, quando “il cuggino” era veramente un’entità superiore, potente e sempre pronta a portare giustizia!

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Le nostre mani

maggio 25, 2007

cominciano ad invadere la rete…

mano

In bocca al lupo a ad Il Conte e a Devil per la loro iniziativa!

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


Oggi sui blog

maggio 23, 2007

Riporto velocemente un video ed un’iniziativa carina e divertente.

Il video è quello dello spot della presentazione del libro (il 25 maggio a Roma) di Tommaso Tessarolo di cui ho parlato ieri.

L'iniziativa estremamente simpatica è Le Mani dei Blogger di Il Conte e Devil. Ecco di cosa si tratta (copia/incolla brutale dal blog):

Mandami una foto della mano che tutti i giorni, con il suo continuo esprimersi ti consente di svelarti al mondo e di aiutarlo a crescere nel suo cammino sempre più ripido e scosceso…

Lascia un Commento indicando :

1. Nome da Blogger
2. Link alla foto della tua mano
3. In alternativa inviami una mail con la foto a luca@lamiaombra.it
4. Se vuoi facilitarmi il compito la foto deve essere 150 pixel di larghezza e 200 pixel di altezza

Che dire diamo una mano a questa iniziativa!
mani

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site - visit my website