Le ricerche più strane di gennaio…

gennaio 31, 2007

Incredibbile mi cercano -e mi trovano- in ogni modo:

software disegno telaio bicicletta
buon enrico
naim claudio
le cose piu strne al mondo
aifone
totti radio 2
penso che sia una ottima idea
giochi dei tudi tunes
887-13-865-37-10-83
PSP tutoriel carnaval
sealand in vendita
favola
natale
abici
WII
moto tansini
xgl firefox menus
scambi fashion milano
windows vista e modem ethernet
tanto denaro fashion
come realizzare un go cart
bike sharing rfid
ma dentro me sento che tu vuoi

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website

Annunci

crea Milano

gennaio 30, 2007

Ogni tanto mi piace raccontare qualche novità che riguarda la “mia Milano” ed oggi ho trovato su o2blog.it una notizia che merita di essere ripresa.

Milano si trasforma in un videogioco.
Si, perchè l’Assessorato al Turismo e Identità di Milano sta studiando un videogioco simile al famosissimo Sim City per promuovere la conoscenza di Milano attraverso la sua storia. Chi giocherà potrà costruire sulle mappe, relative a diversi periodi storici, della città della Madonnina.

Si tratta IMHO di un’idea simpatica destinata un po’ a tutti, grandi e piccini che potranno disegnare la città di Milano a propria immagine e somiglianza. Chissà che non salti fuori qualche idea innovativa che porti miglioramenti in qualche settore di questa città che ha bisogno di essere rinnovato.

Un plauso all’amministrazione che dimostra interesse verso le nuove tecnologie (anche se un gioco non è sufficiente per essere al passo con le altri grandi metropoli mondiali).

Bhe buon divertimento!

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


non ho nulla da raccontare

gennaio 29, 2007

Oggi è una giornata senza grosse novità, si bhe sta per uscire Vista ma ne ho già parlato e non penso di parlarne ancora, sarebbe il caso che lo provi prima ma come…?

Si, bhe, oggi ho scaricato da wordpress lo zip per farmi il mio nuovo blog (titolo provvisorio: “pensieri 2.0alpha”) che sarà più personale, meno tecnologico, un po’ filosofico… (sia chiaro questo rimarrà ma sarà molto più rivolto al web), sarà sul mio dominio e se tutto andrà per il verso giusto vedrà la luce verso marzo (l’ho provato in locale ma la grafica va ancora creata completamente).

E allora mi sono ritrovato, tra un esercizio e l’altro,a pensare: “ci sono dei comandi informatici che sarebbero utili anche in altre occasioni…”. Ad esempio, vi è mai capitato di fare una cazzata e pensare: “se potessi fare CTRL+Z!” oppure “qui ci vorrebbe un bel copia ed incolla!”. Insomma passo troppo tempo davanti al PC o capita anche ad altri di porsi queste domande estremamente filosofiche?

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


la rete per tutti

gennaio 27, 2007

Sono rimasto piacevolmente sorpreso per il giro che ha fatto sul mio blog e per il commento lasciato da Luca Conti. Uno che IMHO ne sa…

Vorrei solo aggiungere alcune riflessioni che faccio da diverso tempo riguardanti l’informatica in generale ma che si possono benissimo adattare al Web2.0 e a quanto affermato nell’intervista che ho riportato nel post dell’altro giorno.

Si tratta di un pensiero che mi accompagna dal giorno in cui ho deciso di iscrivermi ad Ingegneria Informatica. Avevo delle perplessità relative alle difficoltà che si incontravano nell’approcio ai calcolatori e pensavo che l’informatica deve essere accessibile a tutti e soprattutto un AIUTO per TUTTI.

Questa mia convinzione è aumentata negli ultimi tempi (anche la mia tesi non si presenta assolutamente come qualcosa di astronomico ma vuole essere qualcosa che possa aiutare, in questo caso, dei bambini) e penso si possa applicare ai blog, ai wiki insomma al Web2.0. Ritengo sia giusto che chi conosce al meglio questo mondo debba fornire il proprio bagaglio di conoscenze a tutti in modo chiaro per fare in modo che gli ospiti della rete diventino cittadini della rete!

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


La blogosfera per tutti

gennaio 25, 2007

Lele Dainesi riporta sul proprio blog una serie di interviste effettuate da Elisabetta Locatelli ad alcuni dei partecipanti al ROMECAMP. Tra queste ho trovato di particolare interesse quella fatta a Luca Conti che in modo chiaro risponde alle domande dell’intervistatrice, inerenti soprattutto ai problemi incontrati dagli utenti, in particolar modo italiani, nell’approciarsi al mondo dei blog o più in generale al mondo che si identifica con la parola ombrello Web 2.0 (definizione che mi piace tantissimo).

Ecco l’intervista:

YouTube example:

Interessante il "consiglio" di Luca Conti ai blogger: usare parole chiare e semplici per far conoscere questo mondo al maggior numero di persone possibile.

Senza dubbio questo era uno dei miei obiettivi nel momento in cui ho cominciato a scrivere su questo blog. E' diffcile raggiungere questo risultato, penso di non esserci ancora riuscito ma col tempo chissà...

Intanto è online il questionario di DiarioAperto sui blog italiani.

La ricerca si concentra proprio sulla vita online dei blogger e dei loro lettori, tentando di sondare quattro aree d'inchiesta principali:

- il rapporto tra blogger e nuove tecnologie
- il rapporto tra il mondo dei blog e la sfera pubblico/politica
- il rapporto tra blogger e consumo di prodotti culturali
- ciò che lega la blogosfera alla società dei consumi e al comportamento d'acquisto

Io ho partecipato, trovate il sondaggio qui. Vi porterà via al massimo 15 minuti.

P.S. per quanto riguarda questo blog vi annuncio che nei prossimi mesi ci saranno novità e forse la nascita di un mio blog personale. Ma ci vorrà tempo...

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site - visit my website


stica…

gennaio 24, 2007

google

Il gotha europeo di Google si sta riunendo in questi giorni a Courmayeur tra una tantissime precauzioni e altissime misure di sicurezza!

Ma cosa dovranno decidere? Secondo me sono lì per una semplice settimana bianca…

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website


RFID e tesi

gennaio 23, 2007

RFIDMi sono stati chiesti consigli e suggerimenti per lo sviluppo di applicazioni RFID in un commento. Visto che non ho mai approfondito l’argomento provo a dire qualcosa in più con questo post.

Prima cosa, ogni produttore di lettori/tag fornisce le proprie librerie per sviluppare applicazioni. Quindi la soluzione migliore per sviluppare qualcosa è cercare un rivenditore, acquistare un kit di sviluppo e cominciare a smanettare. I kit più semplici non dovrebbero avere prezzi elevatissimi ma mai al di sotto di qualche centinaia di euro. Io per la mia tesi non ho avuto problemi, pagava il Poli, ma se dovete sviluppare un’applicazione piccola piccola per voi allora le cose potrebbero cambiare.

Capitolo Java. Non ho trovato librerie Java, sul sito della Sun ho trovato questo, ma per i miei scopi mi sembrava troppo, quindi non ho approfondito la questione.

Io cosa ho acquistato. Mi sono affidato a, credo, l’unico rivenditore italiano di questi “aggeggini”, Softwork, e ho acquistato un kit con RFID reader-USB e alcuni tag passivi. L’installazione, l’utilizzo e la configurazione con il loro software è stata semplice, i problemi li ho trovati nel momento in cui dovevo sviluppare una mia applicazione (per due motivi: io non avevo mai sviluppato in ambiente Visual Studio e l’unico esempio disponibile era in VB6). Però una volta capito come funzionava in VB6 è stato semplice creare una piccola applicazione in C#. Come avrete capito vengono forniti delle dll (anzi per la precisione degli ocx) il cui utilizzo poi è abbastanza intuitivo (anche per chi non conosce VB o C#).

Ora la mia tesi può proseguire, magari in un altro post ne parlerò, vi dico solo che si tratterà di un software per l’e-learning innovativo destinato a musei, mostre…per aiutare i bambini nell’apprendimento.

Non mi sembra di avere altro da aggiungere, spero di aver aiutato chi mi aveva chiesto consigli e di poter essere d’aiuto ad altri.

[La Vida Es Un Carnaval]

Digg! | | | del.icio.us | ste-site – visit my website