Adobe Digital Editions

ottobre 31, 2006

Adobe Digital Editions

Ho trovato, su ICTBLOG.it, la notizia del rilascio di questo prodotto. Si tratta di un software, rilasciato da Adobe, simile a quelli che permettono l’organizzazione delle immagini presenti sui nostri PC ma che a differenza di questi permette l’organizzazione degli eBook. Supporta ovviamente il formato PDF ma anche xhtml. E’ leggero (2.5 MB compreso di Adobe Flash Player 9) e con alcuni effetti simpatici (aprendo i documenti o cambiando le visualizzazioni passa da sfuocato a nitido).

Io l’ho scaricato, installato e provato per voi. Il primo impatto non è dei migliori, quello sfondo nero è migliorabile, poi secondo me sarebbe necessario permettere l’inserimento di più eBook contemporaneamente (io ho la cartella eBook, non posso inserirli uno alla volta!) .

Per il resto sembra un buon prodotto.
Una domanda: ma voi riuscite a leggere un libro (dalle 50 pagine in sù) in pdf? Io no, in questo caso “carta canta”! 🙂

[La Vida Es Un Carnaval]

Annunci

Ancora su Firefox 2.0

ottobre 30, 2006

firefox
Oggi mi sono imbattuto in questo post, in cui vengono presentate alcune modifiche da apportare a Firefox per ottimizzarlo. Mi è sembrato interessante, ve lo riporto, io ho provato alcune delle modifiche suggerite, nei prossimi giorni proverò le altre, ma devo ammettere che ho notato un certo miglioramente nelle prestazioni.

Iniziamo col dire che, alcune estensioni segnalate in questa guida, non sono ancora ufficialmente compatibili con Firefox 2, quindi, per installarle, bisogna ricorrere alla funzione dell’installazione in modalità compatibile, offerta da MR. Tech Local Install.

Il primo passo da compiere, è quello di impostare alcune cose interne di Firefox, quindi nella barra degli indirizzi, digitiamo about:config e diamo l’invio.

Adesso dobbiamo cercare alcune chiavi e, modificarne il valore:

Chiave: network.prefetch-next Impostare a: False

Chiave: browser.cache.disk.capacity Impostare a: 15000 (se avete da 512MB di RAM in su) o 5000 (se avete meno di 512MB di RAM)

Chiave: browser.sessionhistory.max_total_viewers Impostare a: 0

Adesso, sempre nel pannello di configurazione di Firefox, fate click destro, scegliete Nuovo > Booleano, immettete come nome config.trim_on_minimize e, come valore True.

Ora, passiamo all’installazione ed utilizzo di qualche bella estensione:

Installate Cache Status ed impostatelo (in menu > strumenti > componenti aggiuntivi (o “Add-ons”) > “Nome estensione” > Tasto opzioni) a cancellare automaticamente il 15% della cache del vostro Firefox.

Installate Chrome Cleaner ed usatelo ogni tanto prima di chiudere il browser.

Installate FasterFox.

Manca solo l’utilizzo di un bel softwarino esterno, ed il gioco è fatto:

Scaricate ed installate FireTune, apritelo ed impostate come segue:

Per prima cosa, fate un backup della vostra configurazione, in modo che, in caso di problemi (ma non ce ne saranno), potrete reimpostare Firefox, come se non fosse mai stato usato FireTune, cliccando sul pulsante create backup of configuration e confermando.

Adesso, selezionate la combinazione che più vi si addice tra quelle fast/slow, tenendo conto che, per fast computerfast connection, s’intende ADSL e superiori. s’intende un PC con almeno 1.5Ghz di potenza del processore e, almeno 512MB di RAM. Per

Nel settore “other optimizations”, lasciamo tutto com’è.

Nel settore “other useful settings”, spuntiamo la voce Optimize Firefox memory usage

A questo punto, non ci resta che applicare i cambiamenti, cliccando sul pulsantone Tune it! e, confermando.

Adesso, chiudete Firetune, aprite il vostro browser preferito e, noterete subito la nuova vitalità del “panda” che, sarà molto più agile e veloce… Buona svolazzata nel web con il vostro nuovo Firefox!”

[La Vida Es Un Carnaval]


Installato Firefox 2.0

ottobre 29, 2006

firefox 2.0

Ieri finalmente sono riuscito ad installare la versione 2.0 di Firefox. Sono ormai passati parecchi mesi dal giorno in cui ho deciso di installare Firefox sul mio portatile, e devo dire che non me ne sono pentito. Ormai IE stava cominciando limitare un po’ troppo la mia voglia di navigare nel web! E poi che dire della possibilità di utilizzare i tab invece di aprire 1000 finestre di IE che appesantivano e basta! E comunque a parte queste piccole utilità Firefox si è dimostrato molto competitivo e la nuova release dimostra la voglia degli sviluppatori di stupire ed aiutare noi navigatori della rete. Per invogliare altri ad utilizzare questo browser (non sono un accanito sostenitore del software libero ma devo ammettere che questo prodotto è molto ben fatto) eccovi qualche interessante funzionalità della nuova versione.
Per prima cosa, è possibile scaricarlo dal rinnovato sito di Mozilla ed è disponibile per Windows, Mac O.S. e Linux i686. La semplicità è il principio chiave del nuovo Firefox, in questo senso la sezione Feed presenta solo due opzioni: abbonamento ai feed automatici sfruttando il lettore feed preferito o visualizzazione in anteprima del flusso con richiesta di quale lettore feed utilizzare. La sezione Privacy è stata sfoltita (con la creazione della nuova sezione Sicurezza). La sezione Sicurezza raccoglie tutte le opzioni di protezione precedentemente sparse in Privacy, Contenuti e Avanzate ed include le opzioni della nuova funzionalità anti-contraffazione (anti-phishing). Firefox 2 infatti integra una funzione di protezione contro i siti fraudolenti. Un messaggio di avviso viene mostrato con opzioni per ignorare la notifica, segnalare il sito o recarsi su un altro sito. L’Anti-Phishing è attivabile in Opzioni/Sicurezza, con opzioni per controllare i siti in una blacklist locale (di default) o di sfruttare il provider remoto di default Google. Quest’ultima opzione è consigliata per ottenere la massima protezione. La tecnologia di filtro anti-phishing è stata sviluppata proprio dal codice “donato” dal colosso della ricerca a Mozilla. Firefox si occupa comunque di aggiornare la sua blacklist di siti fraudolenti automaticamente. Se si visita un sito fraudolento che Firefox non riconosce, è possibile segnalare in maniera anonima il tentativo di contraffazione o “phishing” da menu Help e “Segnala una contraffazione web”. Interessantissima anche la possibilità di effettuare il ripristino della sessione. Se si verifica un crash del browser, Firefox rileverà la chiusura imprevista, e al riavvio chiederà se ripristinare la sessione precedente o iniziarne una nuova.
Inoltre è stata migliorata la gestione dei tab, dei Java script ed inoltre migliore supporto per l’anteprima e la sottoscrizione Web feed ed altre interessanti novità!

Lo so è stato un post lungo, ho cercato di riassumere quello che ho trovato in giro per il web su questo browser, spero di aver convinto altri ad utilizzarlo e…

[La Vida Es Un Carnaval]


Un sito alla settimana || 10-28-06 || Gizax Studios, Internet Accessibility

ottobre 28, 2006

Il sito di cui voglio parlare oggi è il sito Gizax Studios, Internet Accessibility

Vengono forniti raccomandazioni e documenti W3C tradotti in italiano. Articoli, guide inerenti i problemi dell’accessibilità e dell’usabilità nel mondo Web. Il sito è stato concepito affinchè sia visibile e accessibile alla maggior parte degli utenti e dei browser.

Si trovano diverse sezioni, blog, articoli,esperimenti i più importanti. Tra gli altri servizi resi disponibili utilissime risultano le traduzioni di documenti W3C. L’autore, Daniele Florio, si dimostra un profondo conoscitore del web ed è stato inserito fra la lista dei traduttori italiani ufficiali della organizzazione mondiale del W3C.

Grafica: 8 è molto semplice dal punto di vista grafico ma il sito risulta comunque gradevole e molto chiaro
Usabilità: 10
Utilità: 10 molto utile per chi si trova a dover realizzare siti usabili, inoltre essendo ricco di tutorial, esempi ed articoli può fornire un aiuto fondamentale per chi si trova alle prime armi con la realizzazione di siti web.
Facilità di Apprendimento: 10
Efficienza: 10
Facilità di Ricordo: 10
Prevenzione degli Errori: 10
Soddisfazione: 10 la navigazione è molto chiara
Servizi Offerti: 10
Sito utile per la realizzazione di siti web che devono rispettare le raccomandazioni per l’usabilità
Valutazioni Personali: 10
Attraverso questo sito è possibile imparare a realizzare un sito web che rispetti i requisiti di usabilità ed accessibilità previsti dagli standard internazionali. Inoltre gli articoli e i tutorial possono sicuramente essere degli strumenti utili per accrescere le proprie conoscenze nella realizzazione di prodotti non solo belli ma anche accessibili da tutti! Trovo inoltre estremamente utile la possibilità di consultare la traduzione delle raccomandazioni W3C.
Credo possa essere utilissimo poter consultare un sito come questo nel momento in cui si decide di realizzare un sito che verrà consultato da persone diverse e con necessità diverse. Anchel’elevato numero di accessi dimostra che può essere considerato un sito di riferimento nel panorama italiano per quanto riguarda l’accessibilità web.

[La Vida Es Un Carnaval]


facciamoci una risata || Il carattere delle donne

ottobre 27, 2006

il carattere delle donne
(Per ingrandire cliccate sull’immagine)

[La Vida Es Un Carnaval]


Curiosità da Google Earth:

ottobre 27, 2006

Ogni tanto stravaganti personaggi si inventano curiose “opere artistiche” per farsi conoscere, per farsi pubblicità.
Ecco ad esempio un coniglio rosa in Artesina, Italia.
coniglio rosa

Per conoscere tutti i retroscena di questa spendida realizzazione di Internet Marketing ecco i dettagli di un’Idea di gelatin (Vienna).

Tratto da Google Earth e Maps Blog

[La Vida Es Un Carnaval]


Second Life:

ottobre 26, 2006

SL
In questi giorni sto ricercando idee innovative nel web, per curiosità ma anche per avere scoprire idee brillanti da cui trarre spunto. Ieri mi sono imbattuto per l’ennesiama volta in un articolo che trattava di Second Life (SL). Ho cercato informazioni ed ecco cosa dice Wikipedia:
Second Life è una comunità virtuale tridimensionale on-line creata nel 2003 dalla società americana Linden Lab. Il gioco fornisce ai suoi utenti (definiti “residenti”) gli strumenti per aggiungere al “mondo virtuale” di Second Life nuovi contenuti grafici: oggetti, fondali, fisionomie dei personaggi, contenuti audiovisivi, ecc. La peculiarità del mondo di Second Life è quella di lasciare agli utenti la libertà di usufruire dei diritti d’autore sugli oggetti che essi creano, che possono essere venduti e scambiati tra i “residenti” utilizzando una moneta virtuale (il Linden Dollar) che può essere convertito in veri dollari americani.
Attualmente partecipano alla creazione del mondo di Second Life oltre 350.000 utenti di tutto il mondo, e ciò che distingue il gioco dai normali giochi 3-d on-line è che ogni personaggio che partecipa alla “seconda vita” corrisponde ad un reale giocatore. Gli incontri tra personaggi all’interno del gioco si configurano dunque come reali scambi tra esseri umani attraverso la mediazione “figurata” degli avatar.
L’iscrizione al gioco è gratuita, anche se occorre fornire i dati di una carta di credito ed è obbligatorio essere maggiorenni. Per costruire e vendere oggetti all’interno del gioco, inoltre, occorre comprare aree di terreno nel mondo virtuale di Second Life.
Molti personaggi che partecipano al gioco sono programmatori in 3-d che hanno guadagnato ingenti somme di (vero) denaro vendendo gli script dei propri oggetti creati per essere utilizzati dentro il gioco. Second Life viene comunemente utilizzato dai suoi utenti per proporre agli altri partecipanti conferenze, file musicali e video, opere d’arte, messaggi politici, ecc.; si è inoltre assistito alla creazione di numerose sottoculture all’interno del gioco, che è stato studiato in numerose università come modello virtuale di interazione umana: le possibilità grafiche e di interazione tra partecipanti offerte dal gioco sono infatti potenzialmente infinite.
L’idea è sicuramente interessante, anche le possibilità di guadagno possono risultare un fattore particolarmente attraente per molti ma mi domando, cosa può spingere una persona a intraprendere una “seconda vita” per di più virtuale?!
Cosa cerca una persona nel virtuale? Questa domanda sorge spontanea anche prendendo in considerazione alcuni studi sulla dipendenza da Internet (Internet addiction). La Stanford medical school ad esempio sta cercando di fare un’indagine seria per stabilire se la Rete possa dare o meno dipendenza (maggiori informazioni su Il Genio dei Geni e su Internet Addiction).

Voi cosa ne pensate?

[La Vida Es Un Carnaval]